Ultima revisione:

18 agosto 2021

Tempo di lettura:

La Prefettura di Messina richiama l'attenzione, per consentirne la più ampia diffusione, sull'avviso pubblico del Dipartimento regionale della Protezione civile sui "Criteri e modalità di erogazione dei primi contributi alle aziende di allevamento zootecnico danneggiate dagli incendi dei mesi di giugno, luglio e agosto 2021", pubblicato sul sito web della Regione Siciliana, con particolare riferimento ai termini perentori ivi previsti per la presentazione delle domande e della documentazione da produrre.

Le domande e ogni integrazione e/o comunicazione dovranno essere presentate esclusivamente via PEC a tutti e tre i seguenti uffici:

  • al Dipartimento regionale della Protezione Civile, dipartimento.protezione.civile@certmail.regione.sicilia.it
  • agli Ispettorati Provinciali dell’Agricoltura competenti per territorio: ispettoratoagricoltura.....................@pec.dipartimentoagricolturasicilia.it
  • al Dipartimento regionale dell’Agricoltura: dipartimento.agricoltura@certmail.regione.sicilia.it entro il termine perentorio di 8 giorni dalla pubblicazione della presente Disposizione sul sito web della Regione. In ragione dell’evoluzione degli eventi e della disponibilità delle risorse è possibile la proroga /riapertura dei termini ovvero l’emanazione di un nuovo Avviso pubblico.

2. La domanda, da redigere secondo lo schema allegato e nella forma di autocertificazione, deve essere accompagnata da:

  • fascicolo aziendale aggiornato;
  • documentazione fotografica sui beni incendiati geotaggata e altra documentazione asseverata;
  • copia del documento di identità del sottoscrittore in corso di validità;

3. Sono beneficiari dei contributi di cui agli articoli successivi i titolari di allevamento, in possesso di codice ASL, che ricadono nel territorio della Regione Siciliana.

4. Il beneficiario dovrà dichiarare nella domanda, nella modalità della autocertificazione ai sensi di legge, almeno i seguenti dati con riferimento agli eventi in oggetto:
a. ettari di pascolo complessivi e qualità e ettari andati distrutti;
b. quantità di foraggi, mangimi andati distrutti e qualità;
c. n. di capi di bestiame rimasti privi di foraggio distinti per specie (bovini, equini, ovini, caprini);
d. n. di capi di bestiame andati perduti distinti per specie;
e. metri di recinzione dei pascoli, n. di pali di legno o similari, ml di filo spinato, andati distrutti, con dati dimensionali e tipologia;
f. lunghezza di tubazione idrica distrutta e da ripristinare, con i dati sui diametri e sulla tipologia.
g. Nesso di causalità dei danni con gli incendi in oggetto e la data degli stessi incendi.

Avviso

G.S.