Si è svolto stamane, a Palazzo dei Leoni, l'incontro tra l'Assessore Carlotta Previti e i dirigenti e i funzionari dell'Assessorato al Territorio e Ambiente della Regione Sicilia, dottori Massimo Rizzuto e Giuseppe Sabatino, sul bando azione 6.5.1 - Azioni Previste nei Piani di Gestione di Rete Natura 2000 - PO FESR 2014-2020, alla presenza dei sindaci del territorio della Città Metropolitana di Messina. 

L'assessore Previti ha illustrato il progetto, in convenzione con la Città Metropolitana, per la salvaguardia della riserva naturale di Capo Peloro messa a rischio dai continui sversamenti di acque meteoriche provenienti dai complessi edilizi. I funzionari hanno prevalutato positivamente il progetto che ha tutti gli elementi per poter soddisfare i requisiti richiesti dal bando; il finanziamento richiesto è di 4 milioni di euro.

La Città Metropolitana completerà l'azione rifacendo un piano di calpestìo intorno al lago grande laddove permeabile, al fine di tutelare l'habitat; inoltre sarà posta anche una recinzione di legno laddove divelta, a tutela della pubblica incolumità. Il progetto prevede il convogliamento delle acque superficiali, che saranno trattate da impianti di prima pioggia e le acque verranno smaltite attraverso impianti di drenaggio: l'obiettivo sarà quello di eliminare il problema dello sversamento delle acque ed evitare il ripetersi degli allagamenti intorno al Lago Grande. 

Inoltre, la Città Metropolitana ha presentato un progetto di messa in sicurezza e recupero dell'unica pista sterrata carrabile che porta da Valdichiesa a Monte Fossa, nella riserva naturale orientata Montagne delle Felci e dei Porri di Salina attraverso interventi di ingegneria naturalistica che prevedono il rifacimento dei muretti a secco in pietra e la manutenzione straordinaria della canaletta a salvaguardia delle zone SIC e ZPS.

 

L'Ufficio Stampa