Questa mattina, nell’aula consiliare di Palazzo dei Leoni, si è svolto il convegno sulla riserva naturale orientata “Laguna di Capo Peloro” dal titolo “Geologia ed evoluzione del sistema lagunare - Habitat ad elevata biodiversità - un patrimonio naturalistico da valorizzare”.

L’Avv. Maria Angela Caponetti, Segretario generale della Città Metropolitana di Messina, Ente gestore dell’area protetta,  ha portato i saluti del Sindaco Metropolitano, Renato Accorinti e del Commissario straordinario dott. Filippo Romano, sottolineando l’impegno dell’Ente nelle tre aree protette gestite dall’ex Provincia: la laguna di Capo Peloro, la riserva delle Felci e dei Porri di Salina e quella dei laghetti di Marinello, oltre alle competenze di monitoraggio e tutela dell’ambiente su tutto il territorio provinciale.

Al centro degli interventi dei relatori, gli aspetti paleogeografici dello Stretto di Messina che, come evidenziato da un recente studio dell’ENEA, fino a ventimila anni fa era un istmo, che nel periodo del disgelo con la violenta tracimazione delle acque da un mare all’altro è stato eroso, arrivando rapidamente ad assumere l’aspetto attuale. In tale periodo gli esperti ipotizzano la nascita della laguna, come depressione creata da un movimento tellurico. E’ stato quindi posto l’accento sulla difficoltà di gestire una realtà composita nella quale insistono competenze di parecchi Enti e l’esigenza di trovare un punto di mediazione per conciliare interessi, apparentemente contrapposti, come la tutela dell’ambiente e della straordinaria biodiversità con le attività economiche e la forte antropizzazione dei luoghi. Un altro argomento di particolare interesse e problematicità evidenziato dalle relazioni è stato il monitoraggio delle acque; in modo particolare è stata evidenziata la necessità di controlli costanti per un’azione  pronta ed efficace.

I lavori coordinati dalla dott.ssa Domenica Lucchesi, dell’Arpa Sicilia, sono stati conclusi dalla dott.ssa Maria Letizia Molino, direttrice delle riserve naturali e dell’ing. Armando Cappadonia, dirigente del settore ambiente, che hanno sottolineato che la tutela dell’ambiente debba essere attuata oltre che attraverso i controlli e, ove necessario, la repressione, soprattutto con il coinvolgimento della gente.

 

Responsabile del
Servizio Comunicazione Esterna 
e Ufficio Stampa
dott. Sergio Spadaro

 

L’Addetto Stampa
giornalista Giuseppe Spanò

La rubrica telefonica dell'Ente con l'elenco completo delle caselle di posta elettronica istituzionali.