Comune di Condrò


comune


Altre informazioni:

Nell'entroterra del golfo di Milazzo, a circa 58 metri di altitudine, sorge, sulla riva destra del torrente Muto, l'abitato di Condrò. Il toponimo Condrò trae probabilmete origine dal greco "Xondros" (grano) e si crede che l'abitato sia stato fondato intorno al sec.XIV.

Nel 1421 per concessione di Alfonso d'Aragona, a Condrò, pervenne Giovanni Bonfiglio ai cui discendenti rimase a lungo col titolo di principato dal 1637. Nel 1743 il feudo passò a Federico Napoli. L'interno della bella Chiesa Madre (1571) dedicata a S.Maria del Tindari, conserva una pittura del cinquecento e pregevoli opere di intaglio ligneo dei secoli XVI e XVII. Dell'antico convento dei frati Minimi fondato nel 1600 non restano, invece, che pochi ruderi. L'economia è quasi esclusivamente agricola (agrumi, viti, ulivi e albicocchi). Modeste sono le attività extra-agricole.